testata ADUC
 USA - USA - Cannabis terapeutica. Gli effetti antidepressivi del CBD
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
8 gennaio 2021 18:21
 
 Il cannabidiolo (CBD) è un composto non psicotomimetico derivato dalla Cannabis sativa. Studi preclinici e clinici hanno dimostrato il potenziale terapeutico del CBD in una varietà di disturbi. Nonostante i numerosi sforzi di ricerca sul CBD, la sua attività antidepressiva è stata scarsamente studiata e l'esatto meccanismo d'azione rimane poco chiaro.
Questo studio mira ad indagare ulteriormente il meccanismo del CBD dopo la somministrazione cronica (7 giorni).
In primo luogo, è stato preso in considerazione il livello di dose di CBD sufficiente per produrre effetti antidepressivi dopo la somministrazione cronica.
In secondo luogo, sono stati studiati criticamente i cambiamenti nelle proteine chiave e nei neurotrasmettitori attraverso metodi come la reazione a catena della polimerasi in tempo reale (RT-PCR), il western blotting e la rilevazione elettrochimica della cromatografia liquida ad alte prestazioni (HPLC-ECD).
Inoltre, è stata stabilita la correlazione tra fenotipi comportamentali con proteine e neurotrasmettitori e il possibile meccanismo è stato identificato.
I risultati hanno mostrato che solo la somministrazione di alte dosi di CBD 100 mg / kg ha indotto effetti simili agli antidepressivi nei topi sottoposti a test di nuoto forzato. Questa somministrazione ha determinato aumenti significativi dei livelli di serotonina (5-HT) e noradrenalina (NA) nell'ippocampo (HPC). Allo stesso modo, la somministrazione cronica di CBD 30 mg / kg e CBD 100 mg / kg ha ridotto significativamente l'espressione del fattore nucleare kappa B (NF-?B) nell'HPC.
Inoltre, nessuno dei trattamenti ha indotto effetti locomotori. Pertanto, la conclusione è che la somministrazione cronica di CBD (100 mg / kg) induce effetti simili agli antidepressivi aumentando i livelli di 5-HT e NA nell'HPC. Questi risultati gettano nuova luce sull'ulteriore scoperta dell'effetto antidepressivo del CBD.

Per approfondire

(da Neuroscience Letters del 23/01/2021)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori