testata ADUC
 MESSICO - MESSICO - Aborto. Corte Suprema: vietato vietarlo
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
8 settembre 2021 9:30
 
Con l'entrata in vigore in Texas di una legge particolarmente restrittiva sull'aborto, l'orizzonte internazionale del diritto delle donne a disporre del proprio corpo si è rischiarato. La Corte Suprema messicana ha dichiarato incostituzionale la criminalizzazione dell'aborto, all'unanimità martedì 7 settembre.

"Questo è un ulteriore passo nella storica lotta per l'uguaglianza [delle donne], la dignità e il pieno esercizio dei loro diritti", ha affermato il presidente della Corte, Arturo Zaldivar. Questo voto apre la strada all'accesso all'aborto per tutte le donne del paese. "D'ora in poi non sarà possibile, senza violare i criteri del tribunale e della Costituzione, perseguire una donna che abortisce nei casi convalidati da questo tribunale", ha sottolineato ancora Zaldivar.
La decisione segue una sessione plenaria di due giorni della Corte, convocata per esaminare la costituzionalità di articoli del codice penale dello stato di Coahuila, nel nord del Messico. Questi articoli penalizzano le donne che abortiscono, con condanne fino a tre anni di carcere. Sono stati così dichiarati incostituzionali dall'unanimità dei dieci giudici presenti, che stabilisce una giurisprudenza per i tribunali del Paese.

Aborto consentito fino a dodici settimane a Città del Messico
Una fonte giudiziaria ha spiegato che la sentenza è effettivamente di portata nazionale, perché consentirà alle donne che vivono in Stati in cui l'aborto è criminalizzato di accedere all'aborto su decisione di un giudice.

“La donna deve chiedere [ai servizi sanitari] di eseguire l'aborto e, se si rifiutano, può andare da un giudice e fare appello. Il giudice avrà ora il potere di ordinare l'aborto", ha affermato Alex Alí Méndez, costituzionalista ed esperto di questioni relative all'aborto. Un'altra conseguenza della sentenza della Corte Suprema, ha aggiunto l'avvocato, è che sarà uno strumento per le donne detenute per aver abortito per riconquistare la propria libertà.

Il Messico è un paese federale in cui gli Stati sono autonomi nell'adozione delle loro leggi, ma queste ultime possono essere invalidate mediante un ricorso quando contravvengono a decisioni della Corte Suprema che fanno giurisprudenza, come questa. Città del Messico ha depenalizzato l'aborto fino a dodici settimane di gestazione nel 2007, ed è praticato gratuitamente nelle cliniche comunali, indipendentemente dal fatto che le donne vivano o meno nel quartiere. Anche gli stati di Oaxaca, Veracruz e Hidalgo applicano la stessa politica.
(AFP)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori