testata ADUC
 EUROPA - EUROPA - Scienza. L'accordo UE/UK
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
8 gennaio 2021 14:48
 
Il 24 dicembre il Regno Unito e l'Unione Europea hanno raggiunto un accordo commerciale post Brexit, diventato valido dal 1 gennaio. L'accordo ha una serie di implicazioni sia per l'accesso ai fondi per la ricerca che per il movimento dei ricercatori tra Paesi dell'Unione e Regno Unito, molte delle quali hanno fatto tirare un sospiro di sollievo agli scienziati britannici ed europei. Il Regno Unito avrà accesso al nuovo programma quadro di finanziamento della ricerca della UE, Horizon Europe, anche se con lo status di Paese associato. Sempre con lo stesso status continuerà a fare parte del programma di ricerca sull'energia nucleare Euratom e del progetto ITER per la costruzione del primo reattore a fusione. Continuerà anche a far parte del programma Copernicus, il sistema di satelliti per l'osservazione della Terra che raccoglie dati per il monitoraggio del clima e per le previsione meteorologiche. Non verranno applicati dazi sugli strumenti e le forniture di laboratorio importate dall'UE. Riguardo agli studi clinici che coinvolgono ospedali in Paesi dell'Unione e del Regno Unito, la situazione è ancora incerta. Sono stati riconosciuti reciprocamente gli standard di qualità richiesti sui farmaci, ma l'Unione deve ancora decidere se il trattamento dei dati personali nel Regno Unito è adeguato. La nota più amara riguarda il programma Erasmus+, da cui il Regno Unito ha deciso di uscire per finanziare il Turing Scheme che permetterà ai suoi studenti di andare a studiare all'estero, ma non riguarderà gli studenti che dall'estero vorranno recarsi nel Regno Unito. L'immigrazione di personale altamente qualificato sarà regolata da un sistema a punti, mentre gli scienziati britannici che vorranno spostarsi nei Paesi dell'Unione si troveranno davanti un panorama di regole ancora molto frammentato [Nature]
(da Scienza in Rete)

 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
Pubblicato in:
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori